0

Difensore d’ufficio e Gratuito patrocinio, l’errore comune

No-incompatibilita-tra-avvocato-e-presidente-del-Cda-seamministratore-delegato-482x270

Può capitare spesso, sopratutto a chi non è un “addetto ai lavori” di confondere il termine Difensore d’Ufficio con Gratuito Patrocinio. Erroneamente molti pensano che siano due sinonimi per indicare la stessa figura, ovvero un avvocato che ci può difendere senza che lo si debba pagare di tasca nostra, ma la verità è ben differente e ci si rende conto dell’equivoco nel momento in cui il difensore d’ufficio ci presenta la sua parcella.

Volendo essere più specifici per Gratuito patrocinio si intende l’assistenza giudiziaria gratuita perchè pagata dallo Stato, e si rivolge a quei cittadini non abbienti che non possono permettersi una difesa. Essa comporta l’esenzione dal pagamento di alcune spese (cd. “spese prenotate a debito” dello Stato) e le anticipazioni di altre da parte dello Stato (avvocato compreso).

Il difensore d’ufficio ha invece un altro fine, ovvero quello di consentire a chiunque di avere sempre una difesa tecnica quando è assogettato ad un procedimento penale.

Infatti il difensore d’ufficio è un avvocato che viene nominato dallo Stato per difendere l’imputato non ancora provvisto di proprio difensore di fiducia, o che ne sia rimasto privo, e ciò con il solo fine di garantire il diritto di difesa tecnica ne processo.

Per questa ragione il difensore d’ufficio non è nominato dalla parte previa verifica del requisito di ammissibilità  al gratuito patrocinio e, per l’effetto, il suo costo deve essere poi sostenuto dall’imputato, e non dallo Stato.

Quindi ricordate bene questa differenza fondamentale se doveste mai trovarvi nella situazione di dover essere difesi da un difensore d’ ufficio. Informatevi nel dettaglio se suddetta figura sarà soggetta al gratuito patrocinio o meno, onde evitare sorprese spiacevoli.

0

Gli affitti per la sede della tua attività

ID_261289_2

Stai cercando una sede per la tua attività in affitto e non vuoi spendere troppo? Non sai bene come muoverti in questo vasto mare di offerte? Ti serve decisamente l’aiuto di Trovaloqua.it, il portale italiano più aggiornato e conveniente per trovare gli affitti in ogni città o regione d’ Italia! In questo articolo ti spiegheremo brevemente come funziona la ricerca e come scremare le offerte presenti per trovare quella giusta per te. Incominciamo!

Per trovare una sede in affitto per la tua attività adatta alle tue esigenze ti invitiamo, prima di tutto, a clickare sul link che ti abbiamo riportato. La pagina che apparirà è la sezione del sito di Trovaloqua.it relativa agli affitti in generale. Per ricercare solo affitti di immobili ad uso commerciale dovrai aprire la finestra a scorrimento che si intitola “scegli tipo di bene” e scorrere fino a “Commerciale”. Gli altri parametri sono facoltativi ma se desideri un immobile con caratteristiche particolari, che non superi un certo prezzo puoi impostare tutto a tuo piacimento.

Una volta settate le caratteristiche di tuo interesse e dato inizio alla ricerca, dopo pochi istanti ti appariranno a video tutte le offerte disponibili con quelle determinate caratteristiche. Aprendo gli annunci vedrai nel dettaglio la descrizione e potrai contattare direttamente il proprietario per accordarti sul prezzo e via discorrendo.

Prima di eseguire tutte queste operazioni però è necessario creare un profilo su Trovaloqua.it, non temere non ci vuole molto e la registrazione è completamente gratuita, oltre al fatto che iscrivendoti puoi tenere traccia di tutti gli annunci che ti interessano e ritrovarli con facilità. Ecco il modo più semplice e sicuro per trovare una sede per la tua attività in affitto!

 

0

Ing Direct e Mutuo Arancio

ing-mutuo-arancio

Non so se vi è mai capitato di vederlo, ma spesso in tv o sui giornali, vengono pubblicizzate le offerti delle banche che propongono ai propri clienti mutui estremamente vantaggiosi. Naturalmente c’è molto marketing ma ci sono anche offerte piuttosto valide in mezzo al mare di propaganda. Oggi vogliamo illustrarvi alcune caratteristiche del famoso Mutuo Arancio di Ing Direct.

Ing Direct, la famosa “banca della zucca”, ha come punto cardine la flessibilità delle sue offerte. Guardando ad esempio al mutuo arancio sopra citato, avrete la possibilità di scegliere ogni aspetto di quest’ ultimo, in totale libertà. Sarà ad esempio possibile scegliere il tipo di mutuo più consono alle vostre esigenze:

  • Mutuo Acquisto è la forma ideale di finanziamento per l’acquisto della prima o della seconda casa;
  • Rottamazione permette di sostituire gratuitamente il tuo mutuo;
  • Mutuo + soldi per rifinanziare il tuo mutuo ed ottenere maggiore liquidità;
  • Mutuo di Liquidità per ristrutturare o per affrontare in tutta sicurezza le tue spese, usando come riferimento la tua casa;

Puoi scegliere anche la tipologia di tasso d’ interesse che più ti aggrada fra, tasso fisso, tasso variabile o tasso fisso rinegoziabile. Per i possessori di un Conto Arancio è disponibile anche un cospicuo sconto sulla rata qualora scegliessero di addebitarla direttamente sul loro conto. In più avrai sempre a tua disposizione i consigli di un consulente esperto.

Questa estrema flessibilità fa si che Mutuo Arancio sia una delle soluzioni finanziarie più utilizzate poichè riesce ad adattarsi pienamente alle diverse esigenze dei clienti. Per ulteriori informazioni e preventivi vi invitiamo quindi a visitare direttamente il sito internet di Ing Direct.

0

La legge è uguale per tutti, forse.

la-legge-è-uguale-per-tutti

Secondo l’articolo 3 della Costituzione italiana: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Questo sta alla base della famosa frase che troviamo incisa in ogni aula di tribunale che recita “La legge è uguale per tutti“. Ma molti eventi passati e presenti a volte ci hanno fatto domandare, è davvero così?

Premettiamo che il nostro blog non è interessato ne desidera fare satira di alcun tipo, questo articolo vuole riportare solo un pensiero che molti italiani hanno, e cioè quanto veramente siamo eguali davanti alla legge? Conosciamo tutti i casi di corruzione politica sia degli ultimi tempi con Mafia Capitale ma anche degli anni 90 con Tangentopoli e Mani pulite.

Purtroppo quello che traspare da molti processi che lo Stato ha indetto contro uomini potenti, magari facenti parte dell’amministrazione governativa dello Stato stesso, è che questi ultimi riescano sempre, in un modo o nell’ altro a trovare una scappatoia facendola in barba proprio a quella legge che professa l’uguaglianza come principio fondamentale.

Dunque perchè spesso e volentieri un cittadino comune sorpreso a rubare per fame, si trova a scontare pene ben più rigide rispetto a persone corrotte che hanno derubato il paese per anni e fanno la vita da sultani anche in carcere, quelle rare volte che ci finiscono? La verità è che il potere dei soldi sovrasta quello dell’ideale espresso dalla legge che vorrebbe tutti uguali.

Non possiamo essere uguali perchè non tutti possono permettersi un Ghedini o un Erede, o di sperperare fortune per la nostra difesa. Quindi la legge dovrebbe capire che c’è bisogno di tenere conto anche di queste cose quando si giudica qualcuno. Ma si tratta naturalmente di un’ utopica speranza di un cittadino comune come tanti.

L’ eguaglianza è ben lungi dall’essere rispettata, e di questo gli italiani ormai sono stanchi.

0

La differenza fra denuncia e querela

maresciallo-carabinieri-riceve-denuncia-in-caserma

I rapporti sociali fra individui non sono sempre sereni e pacati, e si sente quindi spesso parlare di denuncia e querela; ma questi due termini a volte vengono usati erroneamente per mancanza di conoscenza da parte di chi li adotta o se ne confonde il significato. In questo breve articolo cercheremo di spiegare al meglio le differenze fra i due illustrando cosa indicano e quando è più corretto adottare l’ uno rispetto all’altro.

 

La denuncia

La denuncia da parte dei privati è l’atto con il quale ogni persona porta a conoscenza dell’autorità (pubblico ministero o ufficiale di polizia giudiziaria) un reato perseguibile d’ufficio del quale ha notizia.

Nella generalità dei casi la denuncia è facoltativa ed è obbligatoria nei casi espressamente previsti dalla legge.

La denuncia può essere presentata in forma orale o scritta. Nel primo caso l’ufficiale di polizia giudiziaria, o il pubblico ministero, redige verbale, mentre nel secondo l’atto dovrà essere sottoscritto dal denunciante o da un suo procuratore legale. Per la denuncia da parte dei privati non è previsto un contenuto formale tipico e il denunciante può limitarsi alla semplice esposizione del fatto.

 

La querela

La querela è la dichiarazione con la quale, personalmente o a mezzo di procuratore speciale, la persona offesa dal reato o il suo legale rappresentante chiede espressamente che si proceda in ordine ad un fatto previsto dalla legge come reato (ossia fa richiesta di punizione) per il quale non si debba procedere d’ufficio o dietro richiesta o istanza.

La querela va fatta, oralmente o per iscritto, al pubblico ministero, a un ufficiale di polizia giudiziaria o, all’estero, a un agente consolare, e presentata personalmente o a mezzo di procuratore speciale, ma, con sottoscrizione autentica, può essere anche recapitata da un incaricato o spedita per posta in piego raccomandato.

0

I doveri inderogabili, cosa sono?

disoccupazione_int

Nella Costituzione italiana e nello specifico nell’articolo 2 si parla di doveri inderogabili, che il cittadino ha nei confronti dello Stato e verso la propria comunità, tali doveri sono pensati proprio per aiutare l’ individuo ad uscire dal pensiero di singolo abbracciando quindi la propria comunità di appartenenza, cercando di migliorarne lo stato come meglio può.

L’articolo 2 della Costituzione recita così: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.”

Ma quali sono quindi questi doveri inderogabili a cui lo Stato chiede di adempiere?

  1. a) il dovere del lavoro, nel senso di «svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società» cost 4;
  2. b) il dovere di difendere la patria e di prestare il servizio militare obbligatorio cost 52 (il legislatore, tuttavia, ha riconosciuto L 695 24/12/1974 il principio dell’obiezione di coscienza come espressione della libera esplicazione della propria personalità, consentendo agli obiettori di prestare un servizio sostitutivo civile);
  3. c) il dovere di prestazioni patrimoniali (imposte) per concorrere alle spese pubbliche, in proporzione alla propria capacità contributiva cost 53. Per quanto concerne gli stranieri, l’obbligo di contribuire alle spese pubbliche è riferito a coloro che vivono o hanno un reddito prodotto in Italia;
  4. d) il dovere di fedeltà alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi cost 54; a quest’ultimo dovere sono tenuti anche gli stranieri e gli apolidi presenti nel territorio dello Stato.

Tutti questi principi fondamentali determinano una base solida per essere un buon cittadino, garantendo una convivenza ed una condivisione ottimale delle risorse che lo Stato mette a disposizione.

0

La truffa nella legislazione italiana

Truffe-Internet

Una delle piaghe più comuni sul territorio italiano è la truffa. Espediente che può essere effettuato con diverse modalità e mezzi ai danni di soggetti inesperti o “deboli” ai fini di ottenere un vantaggio, spesso economico, personale per il truffatore. Come regola dunque la truffa la giurisprudenza italiana e cosa si può fare per prevenirla e non caderne vittima?

La truffa viene considerata un reato ed è regolata dall’articolo 640 del codice penale. Esso afferma che chiunque induca in errore una persona attraverso raggiri ed artifici, costringendola ad effettuare atti di disposizione patrimoniale che la danneggino e favoriscano il truffatore o altri soggetti, sarà punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da cinquantuno euro a milletrentadue euro. Nel caso in cui il reato sia:

  • commesso a danno dello Stato o di un altro ente pubblico o col pretesto di far esonerare taluno dal servizio militare;
  • commesso ingenerando nella persona offesa il timore di un pericolo immaginario o l’erroneo convincimento di dovere eseguire un ordine dell’Autorità

la pena prevista La pena è della reclusione da uno a cinque anni e della multa da trecentonove euro a millecinquecentoquarantanove euro.

Alcune delle truffe più comuni si rivolgono al singolo individuo o a una famiglia, e solitamente consistono in una prima raccolta di dati anagrafici ed informazioni senza il consenso della vittima che poi il truffatore utilizzerà per scegliere la truffa più congeniale, per passare in fine all’attuazione della suddetta, solitamente fingendosi un funzionario statale o di varie compagnie energetiche, fissando appuntamenti quando la vittima è sola in casa.

Difendersi da queste truffe non è sempre facile sopratutto quando le vittime designate sono persone anziane o inesperte dell’argomento in questione. Il cittadino deve quindi essere educato ad essere previdente, non deve in alcun modo fornire dati sensibili ad estranei, sopratutto in rete, e qualora dovesse subire un danno, deve essere celere nella denuncia. In alcuni casi, a seconda della gravità della truffa è possibile saltare direttamente la denuncia e far intervenire direttamente le autorità.

0

Il prestito e le sue caratteristiche

calcolo-rata-mutuo-21843_177x177

La legge definisce il prestito come la cessione di una determinata quantità di denaro col vincolo della restituzione di capitale di pari valore o superiore. Detto in parole povere, chi riceve un prestito da un investitore, di solito la banca, è poi tenuto per legge a restituire suddetto valore nelle tempistiche e con gli interessi definiti al momento della creazione del contratto.

Come sappiamo ottenere dei prestiti, sopratutto dalle banche, non è affatto facile e richiede di fornire ai suddetti organi finanziari  prove concrete di garanzia. Di seguito proveremo ad analizzare nel dettaglio gli step fondamentali per ottenere un prestito e i parametri da tenere in considerazione al momento della stipulazione del contratto.

Quando si richiede un prestito a una banca prima di tutto è necessario definire il capitale che verrà finanziato, cioè la quantità di denaro che il richiedente desidera ottenere. Dovranno essere definiti anche il tasso annuo nominale (TAN) e il tasso annuo effettivo globale (TAEG) che sono i tassi d’interesse ed il costo della documentazione per quanto riguarda il prestito.  Altri parametri importante sono l’importo, le rate ed eventuali condizioni del prestito ma sopratutto la durata del finanziamento.

La banca farà quindi le proprie indagini per verificare la presenza di garanzie su cui rivalersi in caso di inadempienza da parte del beneficiario del prestito e solo dopo averle valutate approfonditamente deciderà se concedere o meno al richiedente il finanziamento.

Il prestito inoltre può essere finalizzato e non finalizzato. La caratteristica principale che distingue i due tipi di prestito-sovvenzione è basata sul metodo di erogazione e conseguentemente alla restituzione del denaro stesso: nel caso dei prestiti finalizzati, il cliente è obbligato all’acquisto di un bene di consumo specificando comunque la finalità del prestito e mettendo necessariamente a conoscenza l’istituto finanziatore; mentre nel caso di prestiti non finalizzati il cliente non ha alcun vincolo di destinazione ed è libero di disporre della somma richiesta in prestito con maggiore libertà d’azione.

0

Ottenere il mutuo per la prima casa, come fare?

mutuo-prima-casa

In un paese sempre più in crisi come l’ Italia non è sempre facile per le nuove coppie costruirsi un futuro e l’acquisto della prima casa è forse una delle prove più ostiche che i nuovi coniugi possono trovarsi ad affrontare. Per facilitare le cose esistono quelli che vengono definiti mutui per la prima casa, ovvero un particolare tipo di finanziamento che le banche possono concedere a quelle famiglie che vogliono acquistare il loro primo immobile.

La procedura per ottenere il mutuo non è complessa in realtà, tutte le banche hanno infatti piani mutuari di questo genere che si rivolgono alle nuove famiglie. Quindi una volta scelta la casa da comprare e la banca con le tariffe più indicate per le proprie esigenze, la coppia dovrà preoccuparsi solo della parte burocratica fornendo i documenti richiesti per la stipulazione del contratto.

Nello specifico a seconda dei casi saranno necessari differenti documenti:

Infatti un lavoratore dipendente dovrà fornire:

  • dichiarazione del datore di lavoro sulla propria anzianità di servizio;
  • ultima busta paga e copia dell’ultimo modello CUD (o del modello 730);

Invece il lavoratore autonomo o libero professionista dovrà fornire:

  • copie del modello Unico Pf;
  • estratto della Camera di Commercio Industria e Artigianato nel caso di lavoratore autonomo e attestato di iscrizione all’Albo professionale nel caso di libero professionista;

Oltre ai suddetti documenti saranno richiesti anche il certificato di nascita, il certificato di matrimonio ed altri che la banca vi elencherà nella loro completezza.

Infine c’è la stipulazione dell’atto pubblico fra banca e acquirente che deve avvenire di fronte ad un notaio, il quale si occuperà di certificare l’atto ed il prestito avrà luogo, permettendo ai coniugi di acquistare il loro primo immobile.

Una cosa interessante da non sottovalutare sono le agevolazioni fiscali previste dalla legge sulla prima casa, quando si sceglie l’immobile da acquistare è quindi fondamentale tenere presente le caratteristiche che deve avere per essere riconosciuto come “prima casa”, così da poter godere degli sconti previsti.

0

La corte di cassazione in Italia

cassazione

Durante le notizie sui processi in corso, si sente spesso parlare di corte suprema di cassazione o più semplicemente di corte di cassazione. Cosa fa dunque questo organo giuridico? Nell’articolo seguente proveremo a rispondere in maniera semplice a questa e ad altre piccole curiosità su questo importante aspetto della giurisprudenza italiana e non solo.

Il concetto di corte di cassazione nasce in Francia nel 1578 e da allora la sua funzione non è cambiata più di tanto. In un sistema legale che adotta questo organo, come in Italia ad esempio in cui prende il nome di corte suprema di cassazione, la corte di cassazione ha il compito di garantire che durante sentenze precedenti i giudici abbiano applicato la legge nel modo corretto.

Quando sentiamo parlare di “ricorso in cassazione” si intende quindi che una delle parti interessate in un processo, non soddisfatta della sentenza del giudice, sceglie di chiedere una verifica sulla legittimità di suddetta sentenza e la corte di cassazione interviene per compiere la verifica essendo super partes.

Nel caso riscontri una errata applicazione della legge e del diritto da parte del giudice durante la sentenza, la cassazione avrà il compito di annullarla, affidando così la sentenza ad un giudice più competente che avrà l’obbligo di attenersi al punto di diritto indicato.

Insomma abbiamo compreso che la corte suprema di cassazione in Italia ha un ruolo di garante, che ha il compito di tutelare coloro che per un’ applicazione erronea del diritto, si vedono privati di un giusto giudizio.