0

Difensore d’ufficio e Gratuito patrocinio, l’errore comune

Può capitare spesso, sopratutto a chi non è un “addetto ai lavori” di confondere il termine Difensore d’Ufficio con Gratuito Patrocinio. Erroneamente molti pensano che siano due sinonimi per indicare la stessa figura, ovvero un avvocato che ci può difendere senza che lo si debba pagare di tasca nostra, ma la verità è ben differente e ci si rende conto dell’equivoco nel momento in cui il difensore d’ufficio ci presenta la sua parcella.

Volendo essere più specifici per Gratuito patrocinio si intende l’assistenza giudiziaria gratuita perchè pagata dallo Stato, e si rivolge a quei cittadini non abbienti che non possono permettersi una difesa. Essa comporta l’esenzione dal pagamento di alcune spese (cd. “spese prenotate a debito” dello Stato) e le anticipazioni di altre da parte dello Stato (avvocato compreso).

Il difensore d’ufficio ha invece un altro fine, ovvero quello di consentire a chiunque di avere sempre una difesa tecnica quando è assogettato ad un procedimento penale.

Infatti il difensore d’ufficio è un avvocato che viene nominato dallo Stato per difendere l’imputato non ancora provvisto di proprio difensore di fiducia, o che ne sia rimasto privo, e ciò con il solo fine di garantire il diritto di difesa tecnica ne processo.

Per questa ragione il difensore d’ufficio non è nominato dalla parte previa verifica del requisito di ammissibilità  al gratuito patrocinio e, per l’effetto, il suo costo deve essere poi sostenuto dall’imputato, e non dallo Stato.

Quindi ricordate bene questa differenza fondamentale se doveste mai trovarvi nella situazione di dover essere difesi da un difensore d’ ufficio. Informatevi nel dettaglio se suddetta figura sarà soggetta al gratuito patrocinio o meno, onde evitare sorprese spiacevoli.

Leo Trevisan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *